Be Human

ECO STRESS DONNE 2004



Flavio Acquistapace


Università di Parma scuola di Specializzazione in Cardiologia
Dipartimento di Cardiologia e Riabilitazione Policlinico di Monza

La premessa dell'ecocardiografia da sforzo é che l'ischemia indotta dall'esercizio fisico (incremento di pressione arteriosa e frequenza cardiaca) provoca anomalie della motilita del VS che possono essere identificate utilizzando tecniche ecocardiografiche. Offre una accuratezza diagnostica smile e sovrapponibile alle tecniche scintigrafiche. Da una esperienza di studio di 1650, in un periodo compreso da maggio 1994 a maggio 2004 indagati ambulatorialmente per valutazione primaria e secondaria di cardiopatia ischemica con Ecocardiografia con Esercizio Fisico e Prova Ergometrica viene selezionato un sottogruppo di 330 donne correlando i risultati tra Test Ergometrico (TE) ed Ecocardio con Esercizio Fisco (EES). Sono state indagate sintomi di base segnalati suggestivi o dubbi , stato di ecg di base normale alterato – turbe di conduzione o della ripolarizzazione T-ST, Cinesi e Funzione di Base (normale alterata); stato di ecg e T-ST da Stress ; Cinesi e Funzione da Stress (invariata , alterata, peggiorata, migliorata), risposta inotropa (presente – normale , assente – alterata), valutazione coronarografica nei seguenti casi: positività ecg T-ST stress significativa, positività per sintomi, positività eco indiopendente da sintomi o alterazioni ecg T-ST all’ecg (presenza di alterazioni cinetiche o risposta inotropa alterata), vitalità eco (miglioramento cinetico) in pazienti con cinesi di base alterata. Risultati: sono stati rilevae complessivamente 388 alterazioni elettrocardiografiche dubbie o non significiative contro 256 riscontrio di normalità all’EES. E’ stata eseguita coronariografia (44 pts) con sintomi e alterazioni ecg ed EES normale o alterato. In nessuna pts con EES normale è stata riscontrata coronaropatia. In 12 pts (su 20 pts) con sntomi TE positivo e EES positivo è stat rilevata coronaropatia sucettibile di rivascolarizzazione chirugica o PTCA. 70 donne erano ipertrofiche. Di queste 40 aveva TE ecg positivo o dubbio e EES normale. In 2 di queste sottoposte a coronarografia per preseza anche di sintomi dubbi si dconfermava assenza di coronaropatia . Si rileva pertanto che l'ecocardiografia da sforzo é un potente e accuarto strumento per rilevarela cardiopatia ischemica, con una sensibilità, specificità ed appropriatezza superiori all'ECG da sforzo. L’EES migliora l’appropriatezza e il rapporto costo-efficacia nel trattamento e nella gestione delle pazienti a rischio di cardiopatia ischemica sospetta o conosciuta.