Be Human

I PERCORSI VITA



Cardiologi, fisioterapisti e istruttori di ginnastica Isef, membri dell'Associazione per la Ricerca e il Recupero delle Cardiopatie, hanno pensato a un

percorso vita:

uno schema, cioè, di esercizi, da eseguireall'aria aperta, adatti a tutti e modificabili a seconda delle proprie capacità e possibilità fisiche.

Nei Percorsi Vita, diversi attrezzi fissi (sbarre, pali, panchine, scalini) vengono installati, a distanze regolari l'uno dall'altro, nei parchi o nei giardini. A fianco di ogni attrezzo, un cartello spiega come fare l'esercizio in modo corretto e per quante volte, a seconda che l'utilizzatore sia un'atleta, una persona senza allenamento, un bambino, un anziano, un soggetto affetto da una malattia cardiocircolatoria.

Seguendo il percorso, dal primo all'ultimo cartello, si esegue un programma di allenamento corretto, sano e utile per la forma fisica e la salute del cuore e di tutto l'organismo. Purtroppo, sono pochissimi i Percorsi Vita disponibili in Italia, per cui gli esperti hanno adattato il Percorso Vita da loro realizzato a Erba, vicino a Como, in modo che chiunque possa seguire il programma di allenamento, senza avere a disposizione gli attrezzi fissi.



Per tutti

Gli esercizi sono pensati anche per chi non è allenato, per i bambini, gli anziani. Ognuno, però, deve adattare l'esercizio alle proprie possibilità: non bisogna mai esagerare, ci si deve fermare quando ci si accorge di essere vicini ai propri limiti.



Se non si è in grado di svolgere tutto il programma

È meglio ridurre la frequenza degli esercizi (cioè fare un esercizio, per esempio, cinque volte anziché dieci), piuttosto che "saltare" un attrezzo. Questo perché ognuno di essi esercita una precisa stimolazione sull'organismo. Per riprendere fiato, si può percorrere la distanza tra un attrezzo e l'altro camminando e respirando lentamente, invece di correre.



L'allenamento deve essere costante

Almeno tre volte la settimana (meglio tutti i giorni) e per tutto l'anno: bastano pochi minuti per mantenersi in forma e in salute.



Per chi è già allenato

Il PercorsoVita può aiutare il potenziamento del muscolo cardiaco. Tutti coloro che vogliono svolgere un'attività fisica, e soprattutto gli sportivi, dovrebbero sottoporsi a una prova da sforzo e a un ecocardiogramma, per conoscere le proprie possibilità fisiche e personalizzare l'allenamento.



GLI ESERCIZI

riportati di seguito devono essere preceduti e seguiti da due minuti all'inizio e due alla fine (per un totale di 4 minuti) di riscaldamento e respirazione (saltelli, corsette ecc.)

   
Afferrate una staccionata o un palo con la mano sinistra, la mano destra appoggiata sul fianco. Sollevate lateralmente la gamba destra. (frequenza: 10 volte). Ripetete con la sinistra.
   
Afferrate una staccionata o una sbarra con entrambe le mani. Eseguite dieci flessioni sulle gambe.
   
Con le braccia tese in avanti e senza l'aiuto delle mani, sedetevi su una panchina o su un sasso.Tornate in piedi eseguendo un saltello verso l'alto. (frequenza: 10 volte)
   
Afferrate un palo o un albero con entrambe le mani e le braccia tese. Fate un passo in avanti e piegate la gamba portando tutto il peso su essa. Tornate nella posizione di partenza. (frequenza: 10 volte)
   
Percorrete circa dieci metri, due volte con una corsa calciata (calci all'indietro) e ritorno camminando; due volte tenendo le ginocchia alte e ritorno camminando.
   
Salite e scendete da un gradino di una scala. (frequenza: 10 volte per ogni piede)
   
Mani in appoggio su un muretto, una panchina, un sasso, abbastanza bassi in modo che il corpo sia quasi orizzontale. Braccia e corpo tesi. Fate dieci flessioni sulle braccia, avvicinando e allontanando il petto dall'attrezzo.
   
Afferrate con entrambe le mani un ramo di un albero, abbastanza in alto, orizzontale sopra la vostra testa (o un attrezzo nel parco giochi dei bambini, se esiste). In sospensione, avvicinate le ginocchia al petto. (frequenza: 10 volte)